Universitare stanca

Sono sempre stanca la sera, ultimamente.

Dormire, con la D maiuscola, è diventato il mio scopo fondamentale. Non importa se devo fare i compiti, se ho un’email importante da mandare, se devo curare la mia vita sociale, se devo farmi la doccia, se il computer è ancora accesso, e questo e quell’altro. Non importa nulla. Devo dormire. È talmente importante che a volte neanche vado a dormire sul letto, mi butto sul divano, con una coperta a mo’ di piadina arrotolata, e dormo. Il divano, famoso per essere irresistibile e perfetto per lunghe dormite, nonché mio grande amico nel periodi della tesi, è lì che mi chiama, sexy come un modello svedese, e che mi chiede di abbandonarmi ai suoi cuscini. Con la luce accesa, col computer ancora acceso la cui ventola grida vendetta (ma in realtà sta sempre sempre accesa, quindi grida vendetta sempre e comunque, ma mentre dormo particolarmente, quasi non riesco a dormire senza – anche se di recente ho rimesso lo standby automatico anche da attaccato alla corrente, così dorme pure lui), magari anche mezza vestita, e dormo. Dormire sul divano con la luce accesa ha i suoi vantaggi: ti svegli periodicamente (in una notte, due o tre volte), vedi che ora è e decidi se è il caso di alzarsi perché devi fare qualcosa, o devi andare a dormire, o devi farti la doccia ecc. Ma alla fine dormo, è un caso più isolato.

Non riesco a dare una motivazione precisa a questa stanchezza invincibile, forse è l’effettiva attività universitaria (ma non capisco, sto pure ingrassando), forse è il fatto che devo pendolare e che tutte le volte mi devo stressare perché per fare un cazzo di 30 km con Trenitalia c’è sempre qualche problema (è in ritardo col sole, con la pioggia, con la bufera (evvabbè), con le nuvole, non voglio sapere se verrà la neve che succederà) o anche il solo fatto di dover pendolare, forse è la continua attività di socializzazione cui mi spinge l’università, che non è un male, solo che vorrei avere energia per tutto. Non è che faccia orari bestiali. Oggi sono sveglia alle 7 e mezza (mi sono svegliata alle 6 e qualcosa) perché ho lezione alle 9,  ho appena scoperto che è alle 9.30, basta prendo quello delle 8.40 because I can, frega un cazzo se faccio tardi per colpa di Trenitalia.

È passato un po’ da quando frequentavo lezioni full time, e non mi ricordo se pure alla triennale era così.
Mia madre dice che sto sfogando lo sforzo immane che ho fatto per esami/tesi/libro. Ne dubito, ma i miei malumori e le mie tristezze forse hanno a che fare con questo.

Non so.

Mi sento vecchia.

E 23 anni non li ho ancora compiuti.

Annunci

2 pensieri su “Universitare stanca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...