2017

È un secolo che non scrivo più qui ma devo fare la tesi e quindi spreco il mio tempo qui.

Dunque aggiorniamo questa cosa al 2017.

Sto facendo nottata per finire il secondo capitolo di una tesi difficilissima su un tema praticamente inesplorato: l’accessibilità dei testi museali con eyetracker. Tra 6 ore devo andare a lavorare. La mia procrastinazione non ha fine.

È il compleanno del mio ragazzo oggi. Ieri l’ho salutato che è stato con me l’intera giornata di ieri. Mi fa strano questa cosa del ragazzo. Non sono sicura di saperla fare, ma ci sto provando con tutte le forze. Mi piace tanto anche se siamo molto diversi. È tanto dolce. È un ISTP da manuale. Voglio dire è persino bravo coi motori, ha un lavoro fisico ed è dolce ma riservato.

Una settimana fa nel weekend lungo di epifania sono andata verso Belluno con lui e ho rivisto kat e il suo, di ragazzo. Worth noting.

Sono molto più attiva su Tumblr che su altri blog.

Non scrivo più manco una riga da un bel po’ di storie, faccio schifo. No vabbè manco una riga non è esatto ma vabbè. Non leggo molto a parte i libri di uni e di tesi e qualche sito internet, oltre che innumerevoli email, ma guardo tante serie e tanti film.

Tra tesi e uni, poi tesi e lavoro, è stato difficile.

Lavoro con contratto da tirocinante a 700 € al mese in un’azienda che fa 1) vestiario 2) maschile 3) di lusso ed elegante. L’ironia non mi sfugge. Comunque faccio Marketing e Commerciale Estero. È abbastanza complicato.

Sono diventata enormemente più turbolenta, sembra che io abbia aperto il vaso di Pandora e abbia svelato i lati peggiori di me anche se, se non altro, in fondo al vaso c’è anche la speranza. Sono più capace di essere felice, ma anche più triste, più arrabbiata, più rancorosa. Eccetera.

Ne sono successe tante negli anni passati. Sono cresciuta tanto, o almeno spero.

E speriamo di continuare a farlo e coltivare le cose belle che ho.

Annunci

sul referendum

Tratto da: un commento su facebook in cui stranamente sono riuscita a riassumere tutto.

Inizialmente non avevo una vera posizione sull’argomento. Il quesito era piuttosto ininfluente in realtà, perché avrebbe *forse* impedito il rinnovo tacito delle concessione sotto le 12 miglia alla fine della concessione, ma altrettanto facilmente ci sarebbe stata una rinegoziazione delle concessioni, che sarebbe stata utile ma non necessariamente costruttiva. Erano obiettivamente due righe in un testo molto lungo inserito in un enorme contesto legislativo in cui, in maniera tipicamente italiana, fatta la legge scoperto l’inganno. Non avendo tempo di guardare tutto e non fidandomi delle interpretazioni altrui, non potevo con certezza prendere una posizione, ed era intellettualmente più corretto votare bianca.
Ma se avevo qualche possibilità di farmi trascinare dalla pigrizia, la voglia di altri di impedire a chi voleva invece farsi sentire, nel merito o per principio mi ha motivato ulteriormente ad andare a votare. Alla fine ho votato sì, perché era più affine al mio modo di pensare anche sapendo che realisticamente cambiava poco niente.
Ma avere in casa degli elementi che non votano apposta per impedire ad altri, nel giusto o nell’errore, di far valere la propria voce in effetti ti scuote.
Si può dire che si decide razionalmente, ma in effetti spesso è il cuore e l’intuizione che ti spingono verso una cosa o l’altra, e non è necessariamente un male.

Rimani sul pezzo. Bacialo.

A Bold World

alone Non è qualcosa che si possa spegnere. Parte di me è sempre disconnessa. Astrae, alla ricerca di numeri e regolarità. Nel momento in cui dovremmo essere più vicini, parte di me è comunque sola, a contare il tocco dei suoi polpastrelli. Tocco. Tocco. Tocco tocco. Tocco tocco tocco. Tocco tocco tocco tocco tocco. Aspetta. Questa è… È la sequenza di Fibonacci! …qualunque cosa io abbia fatto per meritarti, non sarà mai abbastanza. (source)

Ho un problema a stare radicata nel presente, quando sono in situazioni fisiche. Il mio cervello non si perde in centinaia di seghe mentali, piuttosto è come se si estraniasse nel momento in cui il corpo pigramente immette sensazioni e sarebbe bene godersele, fissarle.

Durante il sesso è tutto così concitato che il mio cervello difficilmente si perde nei pensieri. Sono concentrata nell’atto, se ne ho, sono connessi alla situazione. Non cerco di dare un ordine…

View original post 303 altre parole

Dystopian Utopias challenge #1

Dunque ieri ho visto un mashup di film chiamato Dystopian Utopias su youtube (link). L’uploader spiegava che criteri avesse usato, e siccome mi sembrava una lista di film fichi, ho pensato di vedermeli tutti. Alcuni film li ho già visti. Pensavo di vederne uno ogni tanto. Oggi vedo The Island.

  1. Society must be organised, not just pure post-apocalyptic chaos (Mad Max saga, The Omega Man, The Road, The Book of Eli)
  2. The oppressed must be humans, not aliens (District 9) or androids (A.I., Blade Runner, I robot)
  3. Society must be controled by humans, not by aliens (Dark City, La Planete Sauvage), machines (The Matrix, Terminator Salvation) or vampires (Daybreakers)
  4. Events must take place in reality, not in virtual worlds (Tron, The Matrix, The Thirteenth Floor, eXistenZ, Tron: Legacy)
  5. Society must have evolved only through human ways (science or politics), not through biological changes (Planet of the Apes, Time Machine, Children of men)
 La Lista:
  • Starship Troopers
  • Minority Report
  • Death Race 2000
  • Running Man
  • Death Race
  • Gamer
  • Surrogates [x]
  • The Island [x]
  • Zero Theorem
  • Snowpiercer
  • Wall·E [x]
  • Idiocracy
  • Fahrenheit 451 [x]
  • The Purge
  • Total Recall
  • Repo Men
  • I, robot
  • Soylent Green [x]
  • The Lorax
  • Demolition Man
  • Elysium
  • The Giver [x]
  • Serenity
  • Metropolis
  • Aeon Flux
  • Logan’s Run
  • Divergent [x]
  • A.I.
  • Babylon A.D.
  • Blade Runner
  • Cloud Atlas
  • THX 1138
  • The Hunger Games: Catching Fire [x]
  • Sleeper
  • Escape from L.A.
  • Dredd
  • Total Recall (2012)
  • Freejack
  • The Hunger Games [x]
  • Fortress
  • Gattaca
  • Code 46
  • Never let me go
  • In time
  • 1984 [x]
  • Brazil
  • Scanner darkly
  • Equilibrium [provato, pallosissimo]
  • V for Vendetta [x]
  • A clockwork orange
  • Johnny Mnemonic
  • Akira
  • Battle Royale
  • Escape from NY,
  • The Fifth Element [x]
  • Land of the Dead
  • Rollerball
  • The Truman Show [x]

Tiraggio delle somme 2013

Duemilatredici. L’anno che a me ha fatto sempre tanta fantascienza. Finito com’è arrivato.
Nel 2013 speravo di essermi già laureata, e invece sono qui, anche se la magistrale alla fine l’ho cominciato. All’inizio del 2013 il libro (Alieni in Italia. Invasione fredda) era ancora non finito ma qualcuno l’aveva notato. Alla fine del 2013 il libro è bello che uscito e non so che cosa dire. Va. Non va. Non so. A me piace. La gente che l’ha letto l’ha apprezzato.
Sto rivalutando moltissimo l’Abruzzo perché ho incontrato diverse persone simpatiche.
Speriamo di non ricredersi.

Inviato da smartphone